News

Secondo la mitologia greca, ci fu un tempo in cui gli uomini erano ammessi alla presenza degli Dei per trascorrere con loro momenti di convivialità. Durante uno di questi incontri fu servito un bue che doveva essere spartito a metà fra gli esseri mortali e quelli divini. Il titano Prometeo, amico degli uomini, organizzò un tranello così da lasciare che a questi ultimi fossero assegnate le parti migliori dell'animale e nascose quindi sotto le viscere del bue i tagli più pregiati e le ossa sotto il grasso e quando a Zeus fu data facoltà di scegliere la parte destinata agli Dei, scelse la parte avvolta nel grasso, in apparenza la più gustosa, ritrovandosi invece con gli avanzi. Fu così che gli uomini scoprirono il piacere della carne grigliata, ed è per questo che da allora iniziarono a sacrificare agli Dei solo le parti meno nobili degli animali. Zeus non la prese bene, e come un padre che mette in castigo il figlio levandogli la Play, tolse agli uomini il fuoco, condannandoli a una perenne condizione primitiva. Ma sempre secondo la leggenda, Prometeo una notte penetrò nell'Olimpo e riuscì a trafugare una torcia, riportando così il fuoco agli uomini che da quel momento iniziarono la loro definitiva evoluzione.

Sarà colpa di una accresciuta sensibilità venuta in dono a chi come noi sta girando i quaranta, ma se ci guardiamo indietro non ci sembra vero avere già vissuto più o meno consapevoli, lucidi, ubriachi, assonnati, speranzosi, delusi o felici trentanove Natali, e trovarci qui a fine novembre a ricordare i nostri preferiti, a sorridere e a borbottare che come sempre si stava meglio quando si stava peggio.

Con una buona approssimazione, possiamo dire che metà dei Natali passati per noi hanno avuto come comune denominatore l’attesa della Brighella, la birra di Natale del Birrificio di Lambrate, soprattutto durante gli anni ruggenti di via Adelchi, negli inverni freddi di inizio millennio quando ancora le birre le pagavamo in Lire e al futuro magari non ci pensavamo e se lo facevamo chissà che ci immaginavamo; chi lo sa: dopo tre o quattro Brighelle chi si ricorda più cosa o chi. 

Perché se non avete mai provato ad alzarvi da uno sgabellone del Birrificio di Lambrate a fine serata senza che tutto intorno a voi giri offuscato da una dolciastra nebbiolina alcolica, allora non potete dire di avere mai fatto una bevuta come si deve.

Quando pensiamo al fritto una delle prime pietanze a venirci in mente è il supplì con il suo cuore filante, una sorpresa gustosa che batte 6-0 6-0 qualsiasi regalino del noto uovo di cioccolato.
Non parliamo di sorpresa a caso quando ci riferiamo al ripieno del supplì, il nome stesso infatti deriverebbe dal francese surprise, sorpresa appunto, così come lo chiamavano i soldati francesi che occupavano Roma nell’ottocento. La storpiatura di surprise in surprisa, suppriva, supprì si è radicata infine nel termine supplì.
Insomma, a Roma questa palla di riso ripiena di mozzarella è una vera e propria istituzione, così come lo è il fritto in generale e fa specie pensare che nei primi secoli dopo Cristo fra i Romani questo metodo di cottura non fosse molto popolare, tanto che le pietanze fritte nel miele cotto, o in una miscela di olio e vino o olio e acqua, una volta pronte venissero innaffiate dal liquido di cottura per ammorbidirle, alla faccia della croccantezza.

In una regione al confine fra Armenia e Azerbaigian pochi anni fa è stata localizzata quella che con tutta probabilità è la più antica installazione vinicola del mondo, completa di torchio e dei resti delle anfore utilizzate per la conservazione del vino. Il sito è datato circa 4100 anni fa e testimonia l’inizio di una storia che ancora oggi è in continua e naturale evoluzione e che, allo stesso tempo, conserva sempre un legame a doppio filo con quella che è una tradizione quasi sacra. Negli ultimi anni, soprattutto, si è avuto un ritorno all’antico sempre maggiore, quasi che in questi tempi dominati dalla frenesia si avverta la necessità anche per quanto riguarda il mondo della viticoltura di rivolgersi al passato, al ‘lento’ o ‘slow’ in contrapposizione alla velocità dei nostri giorni. Proprio per questo oggi si parla sempre più di vino naturale, ma quasi sempre lo si fa in maniera generica e calcando troppo la mano sull’aggettivo, come se la definizione stessa naturale fosse garanzia automatica di vino buono.

logo

 

Il Tabernario
Via Zara, 2, 23100
Sondrio SO

Tel: +39 0342 053040
Email: info@iltabernario.it

lunedì chiuso 
martedì  17:30 - 24:00
mercoledì  17:30 - 24:00
giovedì  17:30 - 24:00
venerdì  17:30 - 01:00
sabato  17:30 - 01:00
domenica 18:00 - 24:00

"Ho dei gusti semplicissimi; mi accontento sempre del meglio".

(Oscar Wilde)

© Il Tabernario | Privacy policy | Cookie policy